I 7Mondays conoscono perfettamente le coordinate per arrivare al suono di cui c’è bisogno.

RECENSIONE

Sono di Crotone questi 7Mondays, ma suonano molto americani, “What’s Best To Die For” è abrasiva, eterea e stimolante, come pochissima della musica che proviene dal nostro paese e cerca di allontanarsi dai propri confini con coraggio e determinazione.

Ci sono le chitarre che vanno dai clangori alieni di un post-rock sperimentale all’emo più intenso e onirico, c’è un’innata sensibilità che domina le dinamiche, tutte volte a tenerci attaccati ad un brano che sfocia in un’esplosione di gloriosa luce shoegaze.

All’inizio del millennio esisteva una scena italiana tutta assorbita in questo tipo di ricerca sonica, oggi quasi il nulla, ci pensano quindi i 7Mondays a colmare ogni lacuna.

Non sarà l’unica musica del duo per questo 2021, è infatti in arrivo un EP che, a questo punto, non ci resta che attendere con impazienza.

7MONDAYS 2

LINKS

 

facebook-band
instagram-band
spotify-band
Stai leggendo:
I 7Mondays conoscono perfettamente le coordinate per arrivare al suono di cui c’è bisogno.
1min di lettura
Ricerca contenuto