Un singolo in bilico tra decadenza ed oblio per i Perspex.

RECENSIONE

“A Horse Named Useless” è un brano dei Perspex di qualche mese fa. I Perspex vengono da York. Sempre i Perspex non hanno messo in circolazione tante informazioni sulla loro band, solo qualche foto che li ritrae a proprio agio all’interno di un immaginario lo-fi che sembra cucirglisi addosso perfettamente.

“Jesus on the Valium” (2019) coglieva di sorpresa, con la drammaticità post-punk e quel cantato sfrontatamente avant, psichedelico e straniante come non mai.

Ora è il turno di “BIG CASH CHILD”, le chitarre ci trascinano con vigore, la voce è stralunata, atmosfera tossica e rock’n’roll malato (sick), suoni vibranti e tesi, tutto è irremovibilmente punk e molto convincente.

N.D.

Perspex 1

LINKS

Stai leggendo:
Un singolo in bilico tra decadenza ed oblio per i Perspex.
50 second read
Ricerca contenuto